APPRENDERE? DI PIÙ E MEGLIO IN POSTI SEMPRE NUOVI

Di Grace N. Bressa, Contributor

Il successo riguarda quello che sai più le competenze, quelle innate e quelle acquisite con l’esperienza

In realtà impariamo continuamente e diventiamo più abili se alziamo progressivamente l’asticella della difficoltà. E’ quello che viene chiamato ‘Pratica Deliberata’ così come definita da Anders Ericsson che indica come, per dare risultati debba essere volontaria e pianificata nel tempo (link a studio 2). 

La Pratica Deliberata è diversa dal semplice allenamento: richiede una elevata dose di concentrazione, applicazione e prevede un aumento progressivo della difficoltà e dello sforzo. Insomma prevede di forzare continuamente i propri limiti ponendo l’asticella sempre un po’ più in alto. In assenza di questa strategia di difficoltà crescente non c’è eccellenza ma solo ‘status quo’. 

Ma c’è di più perché una recente ricerca apparsa su Newton per imparare di più e meglio bisognerebbe abbandonare i luoghi familiari dedicati all’apprendimento come casa, ufficio e biblioteca e prediligere posti nuovi come il tetto di un palazzo, un parco, una bakery in centro (ok per ora sono luoghi inaccessibili a causa del lockdown ma progressivamente torneremo alla normalità) (fonte LINK ALLO STUDIO)

Se l’idea di studiare in un posto diverso dal solito e lontano dal confort a cui siamo abituati suona strano ecco che gli scienziati hanno pronta una spiegazione. Studiare in posti nuovi, ? dal rappresentare una distrazione, attiva i circuiti della dopamina, il neurotrasmettitore del piacere e della ricompensa che allo stesso tempo promuovono l’apprendimento ‘associativo’

Il ‘rumore di fondo’ di un posto nuovo rappresenta uno stimolo a imparare meglio e più in fretta.

Ma che sia davvero ‘nuovo’ e quindi ogni volta diverso con caratteristiche speciali: la vista di un panorama, una terrazza su una città, azzardo, un pollaio (se ami le galline. 

D’altra parte anche Hemingway disse che ‘il successo è per l’1% ispirazione e per il 99% sudore’. 

(studio 1 https://www.cell.com/neuron/pdf/S0896-6273(20)30012-X.pdf?_returnURL=https%3A%2F%2Flinkinghub.elsevier.com%2Fretrieve%2Fpii%2FS089662732030012X%3Fshowall%3Dtrue) (STUDIO 2 Ericsson, Prietula e Cokley in The Making of an Expert Harvard Business Review)

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*