In arrivo il vaccino che protegge dalla demenza

Due anni. E’ il periodo stimato come necessario per avere un nuovo vaccino studiato per prevenire lo sviluppo della malattia di Alzheimer. 

Il prodotto, già testato sul modello animale sarebbe ora pronto per le prove sull’uomo e un eventuale successo sarebbe un fondamentale passo in avanti. 

Il vaccino dovrebbe stimolare la produzione di specifici anticorpi che prevengono e rimuovono gli accumuli di proteine beta amiloide e tan che sono la causa primaria dei processi neurodegenerativi e dei processi cognitivi. 

Sulle cavie (predisposte  geneticamente allo sviluppo della malattia) sono state  apprezzate diminuzioni significative degli accumuli di proteine tossiche. 

Una terapia combinata che potrebbe avere maggiori probabilità di successo rispetto a tentativi precedenti che prendevano di mira solo una delle due proteine. 

La ricerca è stata pubblicata su Alzheimer and Research Therapy.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*