DISPOSITIVI CEREBRALI INDOSSABILI: DUBBI SULLA VENDITA AL PUBBLICO

I dispositivi indossabili cerebrali che esercitano una lieve stimolazione elettrica o magnetica sullo scalpo sono ora venduti direttamente ai consumatori. Promettendo benefici che vanno dal miglioramento della memoria ai sintomi della depressione. Sulla prestigiosa rivista Neuron un gruppo di esperti in neuroetica ha analizzato 41 device venduti online di cui 19 per la stimolazione con.

CERVELLO SOTTO ATTACCIO: INQUINAMENTO ATMOSFERICO INDAGATO COME FATTORE DI RISCHIO PER LA DEMENZA

L’aria inquinata delle metropoli è ormai riconosciuta come fattore di rischio per molte patologie e un’esposizione prolungata avrebbe effetti anche sul cervello.  Mentre alcune ricerche hanno evidenziato gli effetti sul quoziente intellettivo dei bambini, oggi gli scienziati hanno stabilito che le sostanze cliniche e tossiche che aleggiano nell’aria sono un fattore di rischio per l’insorgenza.

KETAMINA ALLO STUDIO PER LA CURA DELLA DEPRESSIONE

La sostanza nota per il suo uso ricreativo potrebbe diventare un trattamento per la depressione. Lo riporta una ricerca pubblicata su Science che sottolinea promettente applicazioni: la ketamina non solo permette un temporaneo e rapido, sollievo dai sintomi depressivi ma potrebbe contribuire a riparare i circuiti celebrali danneggiati.

E’ NELLE PAUSE CHE SI PERFEZIONA L’APPRENDIMENTO

Secondo uno studio del National Institute of Health sarebbero proprio le pause nello studio, i momenti in cui si perfeziona il processo di apprendimento del cervello e anche piccole pause di 10 secondi sarebbero funzionali. Quelli che erano considerati ‘tempi morti’, pesi, inutili, sono ora considerati preziosi, indispensabili, magici. Un nuovo studio dell’NIH ha suggerito.

POCO SONNO? SALUTE MENTALE DEI GIOVANI A RISCHIO

Dormono sempre meno, complici orari scolastici sempre più precoci e l’abitudine a trascorrere il tempo davanti agli schermi di smartphone e tablet fino a tarda notte. Gli studenti universitari (ma il fenomeno interessa anche i più piccoli) mostrano, in situazione di carenza di sonno, disturbi mentali, ansia e depressione in testa.  Durante il meeting dell’Associated.

QUASI 500MILA I NATI NEL 2000 ALLA PROVA DELLA MATURITÀ. SI AIUTANO CON FARMACI

CAFFÈ, BEVANDE ENERGIZZANTI, INTEGRATORI FARMACI SUL TAVOLO DEGLI STUDENTI  ALLA RICERCA DELLA CONCENTRAZIONE PER LO SPRINT FINALE. UNO SU CINQUE IN EUROPA USA STIMOLANTI CEREBRALI Nelle università americane dal 7 al 25% degli studenti percorre i corridoi con un portatile in mano e un blister di compresse nell’altra. Dai laboratori di ricerca e dal mondo.